Luoghi da visitare durante le vostre vacanze

PERCORSI TURISTICI

Grazie alla sua collocazione nel centro della Toscana, Casa del Pastore offre la possibilità di effettuare escursioni giornaliere alla scoperta di importanti città d’arte e di territori di rara bellezza. In Val d’Arno, Val di Pesa e Val d’Elsa la natura e l’ospitalità della gente si coniugano felicemente alla storia e all’arte, in un percorso di millenni che va dagli Etruschi ai Romani, dal Medioevo al Rinascimento. Incantevoli itinerari, con al centro la città di Volterra e la città di San Gimignano, si snodano in un territorio incontaminato, con tracce di castelli, palazzi, pievi romaniche e borghi medievali. La meta ideale per un soggiorno in Toscana, tra la pace e la tranquillità della campagna, ma anche a contatto con un patrimonio culturale inesauribile a due passi dal mare e dalle più importanti città d’arte toscane: 

Firenze, Siena, Pisa, Lucca, Arezzo.

Vi proponiamo alcuni itinerari a breve distanza di Casa del Pastore :

VOLTERRA

VOLTERRA, edificata su un dorsale collinoso del pliocene, fra le valli dell’Era e del Cecina, cinta da una doppia cortina di mura, l’etrusca e la medievale, Volterra, in provincia di Pisa,(m. 545 s.l.m.) è uno dei centri più importanti della Toscana, sia per la presenza di monumenti che attestano le civiltà che si sono succedute nel corso di trenta secoli, sia per la lavorazione dell’alabastro toscana i cui manufatti costituiscono oggi uno dei più tipici e tradizionali prodotti dell’artigianato italiano.

Volterra, oggi è una cittadina non ancora contaminata dal ritmo vertiginoso della vita contemporanea e chi giunge sul colle volterrano ha subito l’impressione di trovarsi davanti ad una città particolare, dove si ha la sensazione di vivere nell’antico, fra le strette viuzze di un borgo medievale, fra mestieri che affondano le radici in un passato etrusco. Con il suo aspetto prevalentemente medievale, essa conserva abbondanti reperti del periodo etrusco, come la Porta all’Arco del sec. IV, l’Acropoli, la cinta muraria ancora visibile in alcune zone della città. La presenza romana a Volterra è documentata dagli importanti resti del teatro di Vallebona, di età augustea, da edifici termali, da una grande cisterna d’acqua.

L’aspetto medievale della città non solo è evidente nel tracciato urbano, ma emerge soprattutto nei palazzi, nelle case-torri e nelle chiese: il Palazzo dei Priori del sec. XIII, il Palazzo Pretorio, con la torre merlata detta del Porcellino, i due gruppi di Torri dei Buonparenti e dei Buonaguidi, le case-torri Toscano, la Cattedrale del sec. XII, il Battistero del sec. XIII, la Chiesa di San Francesco, quella di San Michele e quella di S. Alessandro. La civiltà Rinascimentale interessa Volterra in maniera notevole, ma senza alterarne l’atmosfera medievale. Basti far cenno al Palazzo Minucci-Solaini, il Palazzo Incontri Viti, al Palazzo Inghirami, al Palazzo Ruggieri, al complesso conventuale di San Girolamo, nonché alla Fortezza Medicea che, emergente sull’aggregato medievale, è inizio e conclusione del contesto urbano. Oltre ai monumenti e alle numerose testimonianze di arte e di storia, Volterra offre la visione del dolce paesaggio collinare che la circonda, interrotto ad ovest bruscamente dallo spettacolo selvaggio e impressionante delle Balze. Il fenomeno erosivo ha determinato, la distruzione delle antiche necropoli etrusche e italiche, delle più antiche chiese cristiane e la rovina della Badia Camaldolese del se. XI. Volterra, infine possiede musei di notevole interesse storico artistico. Il Museo Guarnacci è uno dei più importanti d’Italia per l’abbondante collezione etrusca e romana. La Pinacoteca e il Museo Civico nota in tutto il mondo per la “Deposizione della croce” del rosso Firentino. Il Museo Diocesano d’Arte Sacra e il Museo storico dell’Alabastro.

Eventi ricorrenti:

Festival Volterra Teatro: durante la terza settimana e la quarta settimana di luglio
Festival Volterra Jazz: durante la seconda settimana di Agosto
Rievocazione Medievale Volterra AD 1398: evocazione storica Medievale nelle vie e piazze cittadine, con allestimento di bancarelle di arti e mestieri medievali. Spettacoli di canta-storie, musicisti, attori teatrali, durante la terza settimana di Agosto.

Visto su Facebook

Check the weather for your holiday





SAN GIMIGNANO

SAN GIMIGNANO in provincia di Siena, sorge su un colle che domina la Val d’Elas ed è uno dei più affascinanti borghi murati medievali della Toscana. La città si sviluppò tra il IX e il XII secolo diventando sede di un importante mercato. Le mura, che dal 998 racchiudono un tratto della via Francigena, vennero più volte allargate, sino alla loro ricostruzione nel 1262. fu un insediamento etrusco, libero Comune dal XII secolo e dominio fiorentino dal 1353. Il profilo della città è caratterizzato da 15 delle 72 alte torri fatte costruire nel XIII secolo dalle famiglie più ricche della città. Piazza della Cisterna, di forma triangolare ed in pendenza, ha al centro una cisterna del Duecento ed è chiusa da case e torri medievali. Su Piazza del Duomo s’affacciano il palazzo del Podestà del 1239 e la Collegiata romanica del XII secolo con all’interno la cappella di santa Fina, costruita nella seconda metà del XV secolo da Giuliano e Benedetto da Maiano. Il Palazzo del Popolo ospita la Pinacoteca e i Musei Civici. Nella grande Sala di Dante si ammira la complessa Maestà di Lippo Memmi (1317). Le pareti del coro della romanico-gotica Chiesa di Sant Agostino, costrutita fra il 12802 e il 1298, sono coperte dal ciclo di affreschi di benozzo Gozzoli e allievi; la pala dell’Incoronazione di Maria di Piero del Pollaiolo orna l’altare maggiore. San gimignano è anche centro commerciale della confinante zona agricola, soprattutto per i prodotti vinicoli ed oleari.

Eventi ricorrenti:

“San Gimignano Musica”: Concerti di musica classica. Teatro dei Leggieri in Settembre e in ottobre
“Dentro e fuori le Mura – Dalla Città per la Città”: Una serie di spettacoli e di manifestazioni che comprendono opere liriche, prosa, balletti, concerti di musica sinfonica e da camera, che si svolgono in Piazza Duomo durante i mesi di Luglio e Agosto.
“Ferie delle Messi”: Manifestazione storica che si svolge nelle vie e piazze cittadine, con allestimento di bancarelle d’epoca di arti e mestieri attinenti il Medioevo. Spettacoli di cantastorie, musici, teatranti, durante il terso fine settimana di Giugno.
10 Agosto – Notte di San Lorenzo “Calici sotto le stelle” : degustazione di vini di San Gimignano.

NON DIMENTICARE : il sapore del vero gelato autentico, si trova da Sergio Dondoli.
Sergio è il titolare della Gelateria di Piazza nel centro della Piazza della Cisterna
Qui non c’è posto per la contraffazione, non é possibile sbagliarsi : dove c’è la fila, sei da Sergio. Ma ne vale la pena.

La sua gelateria è citata tra le più importanti guide mondiali ed è visitata continuamente da televisioni nazionali e internazionali. Visto su Facebook
Grazie alla sua esperienza e alla voglia di sperimentare ha creato dei gusti originali ed insoliti. Le sue prime creazioni sono diventante ormai famose: la Crema di Santa Fina® (crema allo zafferano e pinoli), lo Champelmo® (pompelmo rosa e spumante), ilDolceamaro® (crema alle erbe aromatiche), il Sorbetto di Vernaccia, arricchiscono il suo già vastissimo menu.

San Gimignano | The great Towers of Tuscany

In the age of the Renaissance, Tuscany was the center of the Western World. Its towns and cities grew insanely wealthy from a dense network of trade routes that spanned the Mediterranean and continental Europe. Florence, Sienna and Pisa are home of some of the most iconic architectural and artistic marvels of Italy. However, many more incredible are hidden away in smaller towns scattered across the region.( near to Casa del Pastore) www.casadelpastore.com

Opslået af Tuscany Colors på 23. januar 2017

GAMBASSI TERME

GAMBASSI TERME ( provincia di Firenze) era certo, in antico, “terra di passo”: per gli Etruschi, trovandosi sulla direttrice e nel dominio di Volterra; per i Romani, in relazione alla Via Clodia tra Siena e Lucca; e, nell’altro Medioevo, per i viaggiatori in particolare per i pellegrini che percorrevano la via Francigena. Si segnalano, nonostante le ristrutturazioni, edifici come Palazzo del Podestà, la chiesa di S. Jacopo, con i suoi dipinti, la Pieve di S. Maria a Chianni. La vocazione più congeniale di Gambassi è senza dubbio quella turistica in relazione alle acque termali, ai boschi cedui e alle pinete, che coprono circa il 60% del suo territorio. Un parco di piante secolari è la stupenda cornice dello stabilimento termale, creato nel 1974 dal Comune al fine di favorire un termalismo sociale. Il “Palio delle Contrade” e la Mostra mercato dei prodotti tipici, artigianato e vino si svolgono durante l’ultima settimana di Agosto.

MONTAIONE

MONTAIONE (provincia di Firenze) antico borgo medievale fortificato. Da visitare: il convento di San Vivaldo, eremo francescano immerso in una foresta, costituito da un corpo centrale e da una serie di cappelle cinquecentesche sparse nel bosco nelle quali sono raffigurati episodi della vita di cristo.

La Manifestazione “Estate Montaionese: Musica, teatro, mostre, sport “ si svolge da giugno a settembre.

La Cisternata, visto su Facebook

CERTALDO

CERTALDO è una cittadina di vario interesse culturale e storico. E’ conosciuta nel mondo soprattutto perché patria di Giovanni Boccaccio che a Certaldo visse e morì il 12 Dicembre 1375.
La sua origine è indubbiamente etrusca anche se il suo sviluppo prende il via al tempo del primo medioevo. Completamente medievale è il suo centro storico, la parte alta.

Eventi ricorrenti:

BOCCACCESCA : Rassegna di Prodotti e Piaceri del Gusto e si svolge nel primo e secondo week-end di Ottobre
Festival MERCANTIA Sugli oltre 30 palchi, naturali o costruiti per l’occasione, tra piazze, vicoli, giardini, torri e cripte, si svolgeranno ogni sera oltre 100 spettacoli dalla musica al teatro, dal mimo alla giocoleria, passando per la nuova drammaturgia, il cabaret, il teatro di figura. Si svolge nella terza settimana di Luglio. Visto su Facebook

VINCI

VINCI, città di Leonardo. Immersa in una campagna verdissima, tra vigne ed oliveti che regalano ottimo vino ed olio pregiato, Vinci è situata sulle pendici del Montalbano, incantevole massiccio collinare tra le provincie di Firenze e Pistoia. Antico borgo di origini medievali, fu possedimento dei ricchi feudatari Guidi fino al 1254, quando fu sottomesso a Firenze che ne fece una roccaforte strategica di controllo sulla Valdinievole. A Vinci, in località detta Anchiano, Leonardo nacque il 15 aprile 1452 e trascorse gli anni della fanciullezza: al suo genio universalmente riconosciuto sono legati i luoghi più suggestivi della città. Vinci e i suoi dintorni offrono insomma un territorio così ricco di storia, di arte e di natura da renderne indimenticabile la visita. Ospitato all’interno del Castello dei Conti Guidi, il Museo Leonardiano si propone come una delle raccolte più ampie ed originali di macchine e modelli di Leonardo inventore, tecnologo, ingegnere.

Vinci & Leonardo | HD1080p

Vinci, the town of Leonardo. Vinci is situated on the slopes of the Montalbano, delightful hilly massif between the province of Florence and Pistoia, and is swallowed up by its green countryside, among vineyards and olive groves producing good quality of wine and extra virgin olive oil. It is an old town with medieval origins and belonged to the Guidi feudatories until 1254, when Florence subdued and changed the village into a strategic stronghold in order to control the are of Valdinievole. Leonardo was born in Vinci on the 15th of April 1452 in a locality called Anchiano where he spent the years of this childhood: every striking place of the town is linked to his worldwide acknowledged genius. Housed inside the Castle of the Guidi Counts, the Leonardo Museum can be considered one of the largest and the most unusual collections of machines and models of Leonardo inventor, technologist and engineer. Near to Casa del Pastore for your holidays in Tuscany. Casa del Pastore an independant house with private pool. Info : casadelpastore@live.com / +39/3349205654

Opslået af Tuscany Colors på 26. januar 2017

MONTERIGGIONI

Caratteristico borgo medievale, spicca nella sua posizione sopraelevata, suggestivamente chiuso da una cerchia di mura circolari del XIII secolo. Le mura sono provviste di quattordici torri quadrangolari, menzionate anche da Dante nell’Inferno. I senesi lo costruirono all’inizio del Trecento a scopo difensivo, facendone un baluardo nella lotta contro Firenze. Dentro le mura, secondo le attese, si respira un’atmosfera di quiete d’altri tempi. La rievocazione medievale Monteriggioni di Torri si Corona I”, “Monteriggioni di Torri si Corona II” si svolge durante i primi due fine settimana di Luglio.

Visto su Facebook

MONTELUPO FIORENTINO

La sua ubicazione sull’antica strada romana che univa Firenze a Pisa e la presenza di vie d’acqua contribuirono allo sviluppo di numerose attività manifatturiere, tra le quali quella della ceramica, che in Montelupo raggiunse grande splendore nel corso del XV e XVI secolo. L’attività prosegue ancora oggi nei numerosi laboratori di ceramica artistica e rivive ogni anno nel mese di giugno nel corso della Festa Internazionale della Ceramica, durante la quale la storia del luogo e delle sue tradizioni si trasforma in una serie di spettacoli, esposizioni e manifestazioni artistiche.

SAN MINIATO

Sulla carta geografica, le “colline samminiatesi” collegano l’area fiorentina di Montespertoli e San Casciano, la Valdelsa di San Gimignano e la campagna pisana interna fino all’etrusca Volterra, i cui monumenti si scorgono, nelle giornate di chiaro, dal colle della Rocca. Il paese è costituito da palazzi di varie epoche, disposti in gran parte lungo la via principale. Suggestiva la torre “duecentesca” (ricostruita nel secondo dopoguerra) che richiama alla memoria Federico II e Pier delle Vigne: secondo alcune fonti quest’ultimo, caduto in disgrazia, sarebbe stato rinchiuso nella torre e qui si sarebbe suicidato (anche Dante Alighieri sosteneva questa ipotesi nella sua Divina Commedia). San miniato conosciuta in tutto il mondo per il tartufo, è una delle zone tartufigene più estese e fruttuose d’Europa.

VICOPISANO

VICOPISANO

sorgeva su un colle alla confluenza di due importanti corsi d’acqua: l’Arno, che consentiva il collegamento con Pisa ed il mare, e l’Auser, che metteva in comunicazione con il Lago di Sextum e quindi con la Piana di Lucca. Per un lungo periodo del Medioevo è stato uno dei centri fortificati più rilevanti nella zona di Pisa. Vicopisano possiede un patrimonio di monumenti medievali veramente notevole; solo per elencare le emergenze monumentali più importanti possiamo annoverare: 12 torri (XIXV secolo), due palazzi medievali del XII secolo, una rocca medievale progettata dal Brunelleschi, una chiesa romanica anch’essa del XII secolo alla quale si deve aggiungerne un’altra, S. Jacopo in Lupeta.

Da vedere le Feste Medievale di Vicopisano che si svolge verso fine Agosto. Visto su Facebook.

MERCATO REGIONALE VICINO A CASA DEL PASTORE

LUNEDI: San Casciano

MARTEDI: Gambassi Terme – Montespertoli

MERCOLEDI: Certaldo – Siena

GIOVEDI: San Gimignano – Montecatini Terme

VENERDI: Montaione

SABATO: Castelfiorentino